image

30 SETT. 1 OTTOBRE

ore 9.30 - 18.30
patrocinio terme in fiore prima edizione

Le piante contro le zanzare - Terme in Fiore - mostra mercato nazionale piante insolite giardinaggio

Le piante contro le zanzare

lavender-flowers-1595487_1280

 

Alcune piante contengono oli essenziali e altre sostanze che risultano repellenti per gli insetti, soprattutto le zanzare. Per un risultato efficace è necessario realizzare una barriera costituita da più piante… Scopriamo quali sono da preferire a tale scopo

 

Geranio odoroso

 

Pelargonium graveolens è una pianta ornamentale con foglie profumate il cui aroma agisce come repellente.

 

Basta acquistare in vivaio le piante già adulte e rinvasarle in cassette o ciotole da porre all’aperto sul terrazzo o sul balcone. In erboristeria è possibile acquistare l’olio essenziale che si estrae, per distillazione, da fiori, foglie e fusto di Pelargonium graveolens e che possiede un aroma repellente per mosche e zanzare: quattro o cinque gocce unite a 100 ml di olio di mandorle, compongono una miscela che può essere spalmata sulla pelle prima di sostare sul terrazzo.

È una pianta erbacea perenne e sempreverde che appartiene al genere Cymbopogon.

 

Ha foglie lunghe di colore verde ntenso che tendono a ricadere verso l’esterno, adatta alla coltivazione in vaso. Le varietà più indicate per essere utilizzate come piante antizanzare sono Cymbopogon nardus, C. citratus o C. winterianus, le cui foglie emanano un odore sgradito agli insetti.

 

Rosmarino e lavanda

 

Chi ha un balcone ben esposto al sole, per tenere lontane le zanzare può coltivare in grossi vasi Rosmarinus officinalis e Lavandula hydrida detta anche “lavandino”.

 

Oltre a tenere lontane le zanzare si avrà una scorta di foglie aromatiche e di fiorellini decorativi.

 
Per tenere lontane le zanzare dalle finestre preparare un insetticida da spruzzare a base naturale utilizzando i fiori di crisantemo, dai quali si estrae la piretrina. Prelevare 50 grammi di fiori e lasciarli macerare per una settimana in 150 ml di alcool a 95°. Filtrare e aggiungere 100 ml di acqua distillata. Conservare in un contenitore vuoto che abbia il getto di uscita spray e utilizzare al bisogno. Non usare sulla pelle, ma solo in ambienti esterni. Se si spruzza in casa, dopo occorre aerare l’ambiente prima di soggiornarvi.

 

Quando ormai hanno punto

 

Per alleviare il prurito si possono le foglie di menta stropicciate sulla pelle che donano un’immediata sensazione di freschezza e calmano il prurito.
Per attenuare un eventuale gonfiore si può schiacciare una cipolla fresca e porre la polpa sulla pelle tra due garze

Page generated in 1,769 seconds. Stats plugin by www.blog.ca